• Chi siamo
  • Aree
  • BBS
  • pubblicazioni
  • eventi
  • corsi
  • news
  • Resoconto della relazione del prof Tosolin 
    alla commissione senatoriale d'inchiesta
    del fenomeno degli infortuni sul lavoro

     

    N.B. Questa pagina si riferisce ad un evento passato. Scopri i nuovi eventi in programma.

     

    Prof Tosolin

    Il professor Tosolin fornisce preliminarmente alcune informazioni sull'Association for the Advancement of Radical Behavior Analysis (A.A.R.B.A), illustrandone l'attività scientifica, didattica e di ricerca, il collegamento con alcuni atenei italiani e con le omologhe associazioni internazionali e la collaborazione con enti pubblici e privati, tra cui l'INAIL e, in precedenza, con l'ISPESL. Dopo aver  ricordato che il Capo dello Stato ha insignito l'A.A.R.B.A. di importanti riconoscimenti per l'attività svolta, il professor Tosolin precisa che il Behavior Based Safety (BBS), che trae le sue origini remote dalla psicologia dell'apprendimento, intende costruire comportamenti finalizzati ad ottenere risultati misurabili oggettivamente nel campo della sicurezza sul lavoro. L'applicazione di tale metodo si basa infatti sulla constatazione che circa il 96 per cento degli infortuni che avvengono su base annua sono riconducibili a comportamenti insicuri. L'intervento di BBS richiede ovviamente la presenza di esperti in possesso di una solida preparazione teorica e pratica, quale può derivare dal possesso di una laurea specialistica e da un ulteriore percorso formativo nell'ambito di un dottorato in Behavior Analisys, nonché dal possesso di esperienze specifiche nel campo della ricerca applicata.

     

       Prende quindi la parola il professor Bacchetta il quale, nell'esaminare il rapporto tra il BBS e la normativa vigente, osserva che nel corso degli anni la legislazione italiana in materia di sicurezza e prevenzione sul lavoro ha fatto registrare notevoli miglioramenti dal punto di vista della definizione distandard di sicurezza e del coinvolgimento dei principali attori nell'attuazione delle politiche prevenzioniste. Già in passato, in sede di monitoraggio degli effetti del decreto legislativo n. 626 del 1994, si convenne che la diffusione di una cultura della sicurezza tra le figure chiave dell'organizzazione produttiva era suscettibile di produrre risultati più proficui di una impostazione delle problematiche prevenzionistiche basata in prevalenza sull'azione autoritativa della Pubblica amministrazione. Una tale constatazione riconduce direttamente a considerare la rilevanza del comportamento umano che, più della violazione delle prescrizioni legislative, può incidere sul numero e sulla frequenza degli infortuni sul lavoro.

       

      Senza sottovalutare gli effetti positivi che possono derivare dalle misure volte al miglioramento degli impianti e degli ambienti di lavoro, occorre tenere presente che gli interventi in grado di ridurre comportamenti non conformi alle norme di sicurezza possono produrre risultati di grande rilievo, soprattutto nel sistema attuale, nel quale i lavoratori e i datori di lavoro sono destinatari finali di una serie di obblighi legislativi, ma hanno una scarsa abitudine alla cooperazione, al confronto ed alla reciproca assistenza, che il BBS si propone invece di promuovere ed attuare. Esso infatti consente di adottare modalità più efficienti per individuare comportamenti non sicuri e per incentivare la motivazione individuale e collettiva alla sicurezza: in sostanza, l'obiettivo di un processo di sicurezza basato su comportamenti e integrato nel sistema di prevenzione e protezione aziendale, consiste nell'implementazione di un processo di cambiamento culturale che elevi la sicurezza a valore fondamentale per tutti gli attori del processo produttivo. In tal modo, inoltre, si dà specifica attuazione all'articolo 20 del decreto legislativo n.81 del 2008, che disciplina l'obbligo dei lavoratori a cooperare nella creazione di un sistema di sicurezza.

     

       Il professor Tosolin fornisce quindi alcune informazioni sul BBS ricordando in primo luogo che esso può essere definito come un metodo scientifico, cioè un metodo la cui efficacia è sperimentalmente dimostrata, che ha per oggetto l'ambito della sicurezza comportamentale. Infatti, se si considerano anche le trasformazioni indotte dai processi di globalizzazione economica e produttiva, si può constatare che il comportamento è oggi un contenuto essenziale del processo lavorativo, suscettibile anche di modificare le condizioni della sicurezza. Di qui, l'esigenza di individuare un metodo scientificamente fondato ed i cui risultati possano essere misurati,  in base a parametri certi. Una recente ricerca ha individuato circa 300 metodologie finalizzate ad ottenere comportamenti di sicurezza: la maggioranza di esse - molte delle quali sono in realtà soltanto marchi commerciali - presenta caratteristiche diagnostiche, finalizzate all'individuazione delle criticità, e, solo 84 forniscono prescrizioni e indicazioni di condotta agli operatori economici. In questo più ristretto gruppo, poi, solo 9 metodologie sono in grado di presentare pubblicazioni scientifiche a sostegno della loro efficacia e solo una, ovvero il BBS è in grado di fornire nelle proprie pubblicazioni prove cosiddette di terzo livello, ovvero basate sulla sperimentazione scientifica attuata con un gruppo sperimentale e un gruppo di controllo. Queste prove consentono di affermare che l'applicazione del BBS può portare ad una riduzione degli infortuni nella misura del 65 per cento e, a parità di numero, anche ad una non trascurabile riduzione della gravità degli incidenti medesimi.

    Proseguendo nella sua esposizione, il professor Tosolin fornisce chiarimenti sulle tecniche di misurazione dei comportamenti adottate per i casi specifici, sottolineando come la riduzione dei comportamenti pericolosi conduca costantemente ad una proporzionale riduzione del numero degli infortuni.

     

      Se si esaminano poi le cause di infortunio, la comunità scientifica internazionale è concorde sul fatto che oltre l'80 per cento degli incidenti è determinato da comportamenti insicuri, piuttosto che da fattori tecnici. Basta, a tale proposito, considerare gli incidenti stradali, al 99 per cento causati da comportamento umano. Occorre altresì tenere presente che il comportamento sicuro non è innato: al contrario, esso è condizionato dalle circostanze e dagli stimoli esterni e, per quel che concerne gli ambienti di lavoro, dipende in larga misura da difetti di informazione - e giustamente la legislazione vigente affronta con ampiezza le problematiche della informazione e della formazione dei lavoratori - e da difetti di motivazione. Sin dal secolo scorso, la Behavior Analisys,che costituisce la base del BBS, ha cercato di definire le numerose variabili di cui il comportamento umano è funzione. Per quanto riguarda i comportamenti di sicurezza, esse sono riconducibili a due grandi categorie: gli stimoli antecedenti, che precedono immediatamente il comportamento e gli stimoli conseguenti, che altrettanto immediatamente, li seguono. Sono le concrete circostanze che determinano la scelta individuale a favore di un comportamento più o meno sicuro e la base di qualunque intervento di BBS è costituita dall'intervento sugli stimoli antecedenti e su quelli conseguenti, con lo sviluppo di paradigmi e tecniche volti a incentivare una condotta coerente con gli obiettivi di sicurezza.

      

       La ricerca ha dimostrato che la frequenza, la resistenza all'estinzione e la qualità dei comportamenti sono funzione del numero di conseguenze positive che il lavoratore riceve nell'unità di tempo in occasione dei comportamenti sicuri: il perseguimento degli obiettivi di sicurezza fondato sui comportamenti contempla la sostituzione del sistema di verifiche ispettive e di sanzioni con un sistema opposto, di misurazione continua e di riconoscimenti o di feedback giornalieri e settimanali contingenti ai comportamenti di sicurezza di ciascun lavoratore. L'esperienza della BBS dimostra che la punizione può inibire il comportamento umano, ma ha carattere effimero, nel senso che la sua irrogazione non può impedire che, in circostanze date, il comportamento sanzionato si riproduca. Solo l'adozione di conseguenze positive, gratificanti per il soggetto può invece instaurare e stabilizzare nel tempo un comportamento virtuoso. La procedura attraverso la quale si perviene all'aumento della probabilità di ricomparsa del comportamento prende il nome di rinforzo positivo, e costituisce il cuore della BBS, che punta ad agire sulla motivazione del lavoratore per ottenere più sicurezza e, al tempo stesso, a rimuovere gli stimoli a comportamenti insicuri.


       Il professor Tosolin si sofferma quindi sull'esigenza di assicurare una formazione adeguata sulla sicurezza, rilevando come attualmente essa venga erogata con modalità scientificamente incerte, nella quasi totale assenza di programmazione didattica, di metodologie di insegnamento e di requisiti e parametri di apprendimento idonei a conseguire i risultati attesi, per cui in molti casi questi ultimi sono molto al di sotto dell'impegno profuso e delle esigenze dei lavoratori e dell'azienda, con conseguenze negative sulla sicurezza.